Conservazione e restauro opere d'arte

Dipinti antichi su tela

Home/Portfolio/Pittorico/Dipinti antichi su tela

La maggior parte dei dipinti antichi con cui ci si confronta presentano già dei restauri precedenti, con materiali visibilmente invecchiati ed alterati, insieme a foderature che appesantiscono gli assetti originali delle opere. La sfida di oggi è rappresentata infatti dal restaurare il restaurato, recuperando quanto di più originale ci sia nel singolo dipinto, nel rispetto di ciò che ogni manufatto ha di storicizzato, a seconda della vicenda che il dipinto stesso racconta e della sua epoca di appartenenza.

Molte sono le nuove tecnologie e metodologie, frutto della ricerca odierna, che sempre più spesso applichiamo con attenzione anche su opere antiche e non solo contemporanee. Uguale attenzione viene dedicata sia alla pellicola pittorica, ovvero quell’insieme di strati che compongono il dipinto a partire dalla preparazione fino alla vernice, che al supporto, ovvero la tela.

Nella foto vediamo l’immagine celata di un dipinto, nascosta da residui di colle e adesivi applicati presumibilmente durante un intervento di restauro precedente, e che nascondo completamente la raffigurazione. Possiamo inoltre vedere come su un’altra pellicola pittorica venga applicata un’emulsione gelificata in grado di rimuovere la sostanza alterata in superficie senza danneggiare la pittura sottostante.

Questo perché la scienza ci permette di ottenere risultati sempre più specifici, affinando le tecniche di intervento che risulteranno essere molto più mirate, effetti che in passato non avremmo mai immaginato di ottenere nel modo più assoluto.

Passando al trattamento del supporto possiamo affermare come spesso ci ritroviamo ad occuparci della tela, del recupero di grandi e piccole deformazioni, cercando di mantenere il tessuto ancorato al telaio e riducendo così al minimo gli interventi necessari su ciascuna opera, evitandone stress eccessivi.
Quando le cause di degrado però sono racchiuse all’interno del dipinto stesso, già restaurato in passato, ci troviamo ad occuparci di fasi più invasive ma spesso risolutive come la sfoderatura, anche di grandi tele che si presentano irrigidite e completamente deformate, in quanto non più libere di muoversi sulla propria struttura di sostegno -il telaio- che ha la funzione di gestirne il tensionamento.

Come possiamo decidere che una foderatura arreca più un danno che un sostegno all’opera?

Esistono delle analisi scientifiche da eseguirsi sul filato, che condotte in parallelo sull’opera prima del suo restauro, andranno a sostenere la soluzione di intervento adatto al singolo caso.

Breraut Restauri / Loc. Sossana, 12, 22025, Lezzeno (CO) / Mobile +39 3519288855 / C.F e P.IVA 03819010137/Privacy